Solo un Attimo.

Mad World.Gary Jules – Play

Il cielo è color carta da zucchero e a sinistra dello scorcio che mi regala la vista dal balcone, una luna a metà con gli occhi tristi di un Pierrot, risplende come un disegno a matita impresso su un foglio in acetato e illuminato dal retro.
Poco distanti tre piccoli aerei solcano rapidi, in diverse direzioni, un frammento della volta emisferica lasciandosi dietro una candida e corposa scia che pare spuma di birra appena spillata. Aerei come navi solitarie che scivolano veloci su vaste distese d’acque calme.
Il fumo della sigaretta disegna spirali incerte che vanno a svanire mentre mi danzano davanti, eppure lo sguardo le trapassa e si poggia stanco sulla distesa monocolore che sta molto più su.
Sento il cuore traboccarmi di malinconia, un’emorragia interna di inquietudine. Avverto la mancanza di qualcosa che non ha forma né profumo e sento salire questa sensazione che raggiunge la gola stringendola fino a farmi pizzicare forte gli occhi. I contorni dei palazzi di fronte diventano liquidi e traballano le luci calde degli ambienti rischiarati, sfumano anche i lampioni e serro le palpebre come lame di una ghigliottina che taglia via due lacrime pesanti che affondano sul maglione grigio di lana, sporcandolo di tristezza.
Spengo la sigaretta ruotandola mentre la premo forte contro il fondo del posacenere. L’aria fredda si poggia sulla pelle scoperta come un’impercettibile pellicola trasparente e l’orizzonte via via si carica di toni scuri da cui filtrerà il bagliore delle lucciole che accenderanno intere costellazioni. Vorrei dissolvermi lentamente come cenere che origina farfalle. Farfalle libere. Ma la malinconia mi riempie come siero e piombo fuso da dentro, mi fa sentire pesante e solo le ciglia si aggrappano forti a questo cielo, accarezzando l’aria, tra una lacrima e l’altra mentre al resto di me manca qualcosa che non ha forma, né profumo.

Play

Annunci

11 pensieri su “Solo un Attimo.

  1. Quel cielo ti doveva sicuramente di più, ma non essere triste per questo. Hai tanto da donare e magari non lo sai, ma lo fai quotidianamente anche a coloro che hanno la fortuna di leggerti 😊

    Liked by 1 persona

  2. Un attimo che profuma di carta da zucchero e questo post ha il fascino di un “disegno a matita impresso su un foglio in acetato e illuminato dal retro”.

    Spero che il tuo desiderio di dissolverti come cenere non si avveri…o se proprio deve, spero che le farfalle imparino a tenere un blog….

    Inchino col mento a terra davanti a questo scritto magistrale.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...